Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2010

Che menomale che c’è finalmente qualcuno, come la Santanché, che si preoccupa di essenziali problemi di morale pubblica, come il diritto alla privacy dei mafiosi.

Che opportune e ripetute stimolazioni alle ghiandole mammarie possono in teoria portare alla produzione di latte anche i mammiferi maschi (sì, dico a voi). Giobbe (capitolo 21, versetto24) osservò a proposito di un uomo ben nutrito: “Le sue mammelle sono piene di latte”.  A dieta ragazzi, da ora.

Che il gusto dei fiori di zucca fritti è imbattibile anche se non li digerirai mai.

Che anche questa estate è impossibile essere chic se non si indossano pantaloni di colori improbabili, a vita bassissima, con l’elastico di un pigiama alle caviglie e il cavallo all’altezza dei polpacci (come se aveste sei chili di sabbia nelle mutande). Del resto le cose belle non passano mai di moda.

Che in Inghilterra tagliano le auto blu, in Italia gli Istituti Culturali. Non abbiamo Istituti blu?

(altro…)

Annunci

Read Full Post »

Introduzione 

Oggigiorno diventare genitori non è più un salto nel buio, bensì è un viaggio, un’esperienza. Almeno questo è quello che sostengono centinaia di volumi sull’argomento. Manuali dai titoli originali e accattivanti come: ‘il bambino’, ‘il mio bambino’, ‘madre mamma’, ‘di madre in figlio’, promettono di svelare tutti i segreti dell’ incredibile e millenaria storia della riproduzione.

E lo fanno.

Un tempo nei manuali veniva spiegato quale era il corredino più adeguato e come fasciare un bambino in modo che sembrasse un crocefisso infagottato, oggi, oltre ai consigli pratici, c’è una ampia parte dedicata agli aspetti psicologici della maternità, dalla depressione post partum agli utilissimi suggerimenti circa le posizioni per fare l’amore prima e soprattutto dopo il parto.

(altro…)

Read Full Post »

Ti piace la busta gialla? Acquistane una blu!

Ingvar Kamprad nasce a Ljungby, Svezia, il 30 marzo del 1926.

Pare che Kamprad abbia iniziato a fare affari da giovanissimo vendendo fiammiferi per poi espandersi fino alla vendita di penne a sfera e matite.

Pare che fosse anche un bravo studente nonostante affetto da dislessia diseidetica. Difatti il padre, visti gli ottimi risultati scolastici dell’erede, decise di regalargli un po’ di soldi.

Pensate che il giovane Ingvar utilizzò i soldi per farsi una bella vacanza, o magari per comprarsi dei vestiti all’ultima moda, o peggio ancora per sputtanarseli con gli amici in qualche malfamato bar di Ljungby?

No. Il giudizioso Ingvar investì tutti i soldi regalatigli dal padre per fondare quello che poi è diventato il colosso dell’arredamento mondiale.

(altro…)

Read Full Post »

Che il rosa che esce dai palazzi di Roma alle 7.45  di una giornata fresca e luminosa è impagabile.

Che la prima volta che vai al mare, bianca come la forfora, con un orrendo costume a coulotte perché non ti sei fatta la ceretta (perché eri sicura che sarebbe piovuto e non vuoi usare il rasoio ma tuo marito ha un guizzo d’entusiasmo balneare che non puoi ignorare), mentre tenti di provare un tanga sopra il tuo scafandro, conscia della incontenibilità della tua foresta e dell’effetto budino di tutto il tuo corpo, la tipa (già) abbronzatissima supertonica-tetterifatte che vende costumi in spiaggia, abbassando gli occhiali a specchio sul naso liscio come uno scivolo, ti dirà: “tesò, così non ti si può guardare però, vai col tanga!”. Preparatevi.

Che la macedonia fragola e banana e basta è la più buona del mondo.

(altro…)

Read Full Post »

1. CASA. SOGGIORNO. INT. SERA.

Que è sdraiata sul divano a due posti, lo prende tutto. In una  mano ha un bicchiere di vino rosso. Nell’altra una sigaretta appena accesa. La stanza è in penombra, lo schermo della televisione è acceso, ma il sonoro è muto. Nella camera si diffonde invece

LA CANZONE “BABYLON” DEI THIEVERY CORPORATION.

So, seduta sulla poltrona di fronte, sta rollando una sigaretta di tabacco. Indossa un paio di occhiali rossi da lettura e una fascia per i capelli lilla.

QUE (basita)

Dici che ci prendono per i fondelli con il Bifidus Actiregularis?

SO

Bello ‘sto cd, dove l’hai preso?

(si aggiusta la fascia che scivola dalla testa implume)

Certo che ci prendono in giro. Primo perché il maledetto Bifidus se l’è inventato la Danone, ha registrato il marchio e lo vende con nomi diversi in tutto il mondo. Secondo, mio tesoro, perché il nostro transito intestinale è libero dalle leggi commerciali e non è previsto dalla natura che senza Bifidus la cacca non esca. Io sono per le care, vecchie, prugne.Vuoi la pancia piatta come la Marcuzzi?

QUE (basita)

Ma perché le fanno quella frangia  bionda da Minipony? Nasconde qualcosa, forse ha sbattuto la fronte da piccola.

(altro…)

Read Full Post »

« La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino […] L’ordinamento delle Forze armate si informa allo spirito democratico della Repubblica » Art. 52 Costituzione Italiana.

Circa centocinquanta anni fa, mese più mese meno, nasceva lo Stato Italiano e con esso anche il primo abbozzo di Forze Armate. Nel corso del tempo la nostra storia ha conosciuto vicende alterne e le forze militari sono cambiate con il paese. Nel primo dopoguerra furono apportate importanti riforme a queste istituzioni, basti pensare al nome del Ministero che le gestiva che, da Ministero della Guerra, è diventato Ministero della Difesa  (che non è una sfumatura da poco. Difesa suona molto meglio di guerra, è rassicurante e molto più pacifista). Ad ogni modo, bisogna arrivare agli anni sessanta per la costituzione effettiva del nucleo delle Forze Armate come noi le conosciamo.

(altro…)

Read Full Post »

Che c’è un paesino dell’Austria, Rattenberg, costruito dietro a una montagna in modo che da novembre a febbraio il villaggio resti completamente in ombra mentre il resto della valle si gode il sole. Volevano fare un dispetto a qualcuno o è stato progettato da un ingegnere napoletano?

Che se leggi gli ingredienti di un omogeneizzato scopri che il 40% è carne, il resto è cacca. Sceltissima però.

Che fare le cose giuste nel posto sbagliato, come mangiare a letto o fare l’amore sul tavolo del soggiorno, genera un incremento della soddisfazione rispetto a farle nei posti giusti che va a compensare eventuali disagi strutturali (come le briciole nel letto o il mal di schiena).

Che Keanu Reeves in lingua hawaiana  vuol dire “fresca brezza”. Non si sa se Keanu e’ “fresca” e Reeves è “brezza” o il contrario. Da approfondire.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »